Tag - Alessandro Raveggi

ALESSANDRO RAVEGGI, IL GRANDE REGNO DELL’EMERGENZA

Comincia sotto il segno di un inquietante mascheramento Il grande regno dell’emergenza.

Per rispettare le sue ultime volontà, tre figli partecipano al funerale del padre indossando delle maschere con sembianze di animali, mentre un quarto fratello partecipa da lontano intrecciando una fitta corrispondenza con uno dei tre, il narratore.

Leggi articolo

ALESSANDRO RAVEGGI – IL GRANDE REGNO DELL’EMERGENZA

L’impressione che ho maturato leggendo questa raccolta di racconti di Alessandro Raveggi è che lui sia molto bravo a costruire una realtà diversa, una realtà artificiale, pur raccontando quella che potrebbe essere considerata un’esistenza normale.

Leggi articolo

IL GRANDE REGNO DELLO STILE NARRATIVO

Dopo aver letto Il grande regno dell’emergenza, raccolta di racconti di Alessandro Raveggi, ho pensato all’Anna Karenina di Joe Wright, la trasposizione cinematografica del capolavoro di Tolstoj datata 2012, con Keira Knightley nei panni dell’eroina russa.

Leggi articolo

Il regno dell’emergenza

Il grande regno dell’emergenza, il racconto che dà il titolo a questa raccolta, si svolge nell’immaginazione torbida di un giovane chirurgo bolognese. Pedofilo, con un’amante dodicenne, è invaso da incubi catastrofici: la guerra, la terra che trema e distrugge ogni cosa. Alla disperata ricerca di “una provincia disposta a […]

IL GRANDE REGNO DELL’EMERGENZA, LO STILE VIRTUOSO DI RAVEGGI TRA COSCIENZA E SUBCONSCIO

Un luogo in cui l’impossibile supera l’improbabile. Per contenuto e forma. Il Grande Regno dell’Emergenza (edizione Liber Aria, 10 euro) è una raccolta di racconti, di cui uno dà titolo al libro di Alessandro Raveggi, dove il talento dell’autore erompe con uno stile che richiama i vari Don DeLillo,

Leggi […]

Dai giornali al libro, quel filo rosso che lega i racconti di Alessandro Raveggi

La difficoltà più grande, quando si decide di affrontare la forma racconto, è, probabilmente, riuscire a trovare l’intensità giusta e il ritmo adatto per ogni storia, per consentire ai personaggi di arrivare al lettore senza perdere se stessi in tutto ciò che dal racconto viene tagliato fuori. La forma […]

Un copricorpo per il deserto

 Probabilmente solo i bambini, che l’attorniavano a mo’ di parata, sapevano giustificare la presenza di quel copricorpo così mostruoso, incoerente, che si aggirava specchiandosi sulle vetrine di vestiti sbarazzini, subwoofer retroilluminati.

Leggi articolo

Alessandro Raveggi, Il grande regno dell’emergenza

Allora. In pratica è andata così: a Torino, al Salone*, sono ovviamente passata allo stand di LiberAria. Giorgia Antonelli già se ne era partita per assolvere ai suoi doveri da insegnante, e così mi sono intrattenuta allegramente con Federica Altero e Claudio Cisternino.

Leggi articolo